Camera Civile Veneziana 2.0

La Camera su Facebook

27.04.2018 17:04 Camera Civile Veneziana

Sentenza n. 9097/2018 Cassazione Civile – sezione x Civile

Il riconoscimento di un debito non esige formule speciali e può essere contenuto in una dichiarazione di volontà diretta consapevolmente all’intento pratico di riconoscere l’esistenza di un diritto, ma può risultare, implicitamente, anche da un atto compiuto dal debitore per una finalità diversa e senza la consapevolezza dell’effetto ricognitivo.

L‘atto di riconoscimento, infatti, non ha natura negoziale, né carattere recettizio e non deve necessariamente essere compiuto con una specifica intenzione riconoscitiva. Ciò che occorre è che esso rechi, anche implicitamente, la manifestazione della consapevolezza dell’esistenza del debito e riveli i caratteri della volontarietà (Cass. n. 15353 del 30/10/2002).

v. su facebook
27.04.2018 17:04 Camera Civile Veneziana

Corte costituzionale

Sentenza 26 aprile 2018, n. 88

Presidente: Lattanzi - Redattore: Carosi

L'art. 4 della legge n. 89 del 2001 va dichiarato costituzionalmente illegittimo nella parte in cui non prevede che la domanda di equa riparazione, una volta maturato il ritardo, possa essere proposta in pendenza del procedimento presupposto (analogamente, sentenza n. 3 del 1997).

v. su facebook
15.04.2018 22:04 Camera Civile Veneziana

Nel corso dell’assemblea odierna, 12 aprile 2018, dopo le relazioni annuali di Presidente, Segretario e Tesoriere, è stata votata ed approvata la modifica dello statuto e il bilancio annuale 2017. Si è proceduto poi alle votazioni per il rinnovo delle cariche elettive.

Sono risultati eletti al Consiglio Direttivo gli avvocati Marco Barbieri, Giorgio Battaglini, Marzia D’Alberton, Andrea Firpo, Alberto Furlanetto, Elena Gottardo, Tommaso Lenarda, Lorenzo Magrini, Anna Pericoli, Arianna Pistolato, Elisa Silvestrini e Marica Stigliano Messuti; mentre nel Collegio dei probiviri i colleghi Andrea Cesare, Elisabetta Mantovani e Fabio Sportelli.

Al termine dell’assemblea si è subito riunito il Consiglio Direttivo che ha confermato i componenti della Giunta, Presidente l’avv. Giorgio Battaglini, vicepresidente Marica Stigliano Messuti, segretario Marco Barbieri, tesoriere Anna Pericoli ed Elisa Silvestrini delegata per le territoriali .

L’assemblea ha anche ringraziato i colleghi Roberta Pellizzato e Arianna Berton, non ricandidatesi, oltre a Giorgio De Luigi e Manuela Beneforti per il pregevole lavoro svolto nell’associazione in questi anni. Quest’ultimi due, assieme ai colleghi Andrea Piai e Giovanni Sambo coordineranno il neocostituito Laboratorio Studi della Camera Civile Veneziana.

v. su facebook
02.04.2018 10:04 Camera Civile Veneziana

Cass., Ordinanza 11 gennaio - 21 marzo 2018, n. 7079

In punto: decadenza dall'impugnazione per notificazione via pec avvenuta dopo le ore 21,00.

Deve essere dichiarata la decadenza dall'impugnazione della sentenza della Corte di appello con conseguente passaggio in giudicato della stessa nel caso in cui il ricorrente notifichi il ricorso per cassazione a mezzo PEC tardivamente, in violazione del combinato disposto dell'art. 147 c.p.c. (secondo cui le notifiche devono essere effettuate dalle 7,00 alle 21,00) e del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179, art. 16 septies, il quale, dopo aver stabilito l'applicabilità dell'art. 147 c.p.c., anche alla notificazioni con modalità telematiche, dispone, altresì, che quando la notifica sia eseguita dopo le ore 21, la notificazione di considera perfezionata alle ore 7 del giorno successivo.

v. su facebook
02.04.2018 10:04 Camera Civile Veneziana

Cassazione Civle, Ordinanza 12 dicembre 2017 - 1° marzo 2018, n. 4789

In punto: notificazioni civili via PEC

L. 21 gennaio 1994, n. 53, art. 3 bis, prevede che: La notificazione con modalità telematica si esegue a mezzo di posta elettronica certificata all'indirizzo risultante da pubblici elenchi, nel rispetto della normativa, anche regolamentare, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici. La notificazione può essere eseguita esclusivamente utilizzando un indirizzo di posta elettronica certificata del notificante risultante da pubblici elenchi; La notifica si esegue mediante allegazione dell'atto da notificarsi al messaggio di posta elettronica certificata; La notifica si perfeziona, per il soggetto notificante, nel momento in cui viene generata la ricevuta di accettazione prevista dal D.P.R. 11 febbraio 2005, n. 68, art. 6, comma 1, e, per il destinatario, nel momento in cui viene generata la ricevuta di avvenuta consegna prevista dal D.P.R. 11 febbraio 2005, n. 68, art. 6, comma 2. Il messaggio deve indicare nell'oggetto la dizione: "notificazione ai sensi della L. n. 53 del 1994".(indicata nel fascicolo informatico del procedimento); nonchè e parimenti del D.M. Giustizia 16 aprile 2014, art. 19 bis, per il quale (comma 5). La trasmissione in via telematica all'ufficio giudiziario delle ricevute previste dalla L. 21 gennaio 1994, n. 53, art. 3 bis, comma 3, nonchè della copia dell'atto notificato ai sensi dell'art. 9, comma 1, della medesima legge, è effettuata inserendo l'atto notificato all'interno della busta telematica di cui all'art. 14, e, come allegati, la ricevuta di accettazione e la ricevuta di avvenuta consegna relativa ad ogni destinatario della notificazione; i dati identificativi relativi alle ricevute sono inseriti nel file DatiAtto.xml di cui all'art. 12, comma 1, lett. e.

v. su facebook
21.03.2018 12:03 Camera Civile Veneziana

I costi che comporta la procedura di negoziazione assistita contrastano con la Carta di Nizza e l'art. 3, comma 1, del d.l. n. 132/2014 va quindi disapplicato (sentenza pronunciata in materia di risarcimento da sinistro stradale)

Tribunale di Verona sentenza del 27.02.2018

v. su facebook
20.03.2018 16:03 Camera Civile Veneziana

https://www.cameracivileveneziana.it/news/visual.php?num=92544

v. su facebook
20.03.2018 12:03 Camera Civile Veneziana

https://www.cameracivileveneziana.it/news/visual.php?num=92532

v. su facebook
22.02.2018 21:02 Camera Civile Veneziana

CASS. CIVILE S.U.

Sentenza n. 2990 del 07/02/2018

Qualora sia accertata l’illegittimità dell’interposizione di manodopera e dichiarata l’esistenza di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato, l’omesso ripristino del rapporto imputabile al committente determina il suo obbligo di corrispondere le retribuzioni, salvo gli effetti dell’art. 3 bis d.lgs. n. 276 del 2003, a decorrere dalla messa in mora.

Presidente: R. Rordorf

Relatore: E. D'Antonio

v. su facebook
22.02.2018 21:02 Camera Civile Veneziana

CASS. CIVILE S.U.

Sentenza n. 3873 del 16/02/2018

La costruzione eseguita dal comproprietario sul suolo comune diviene per accessione, ai sensi dell'art. 934 c.c., di proprietà comune ai comproprietari del suolo, salvo contrario accordo, traslativo della proprietà del suolo o costitutivo di un diritto reale su di esso, che deve rivestire la forma scritta “ad substantiam”. II consenso alia costruzione manifestato dal comproprietario non costruttore, pur non essendo idoneo a costituire un diritto di superficie o altro diritto reale, gli preclude lo “ius tollendi”. Ove lo “ius tollendi” non sia o non possa essere esercitato, i comproprietari del suolo sono tenuti a rimborsare al comproprietario costruttore, in proporzione alle rispettive quote di proprietà, le spese sopportate per l'edificazione dell'opera.

Presidente: R. Rordorf

Relatore: L.G. Lombardo

v. su facebook
22.02.2018 21:02 Camera Civile Veneziana

CASS. CIVILE

Sentenza n. 4223 del 21/02/2018

La Sez. Lavoro, adeguandosi all’interpretazione resa dalla Corte di Giustizia UE con sentenza del 19 luglio 2017 in causa C-143/16 (cd. Abercrombie), ha escluso che l’art. 34, comma 2, del d.lgs. n. 276 del 2003, la cui formulazione “ratione temporis” applicabile limita la stipula del contratto di lavoro intermittente ai soggetti con meno di venticinque anni di età, violi il principio di non discriminazione in base all’età, di cui alla Direttiva n. 2000/78/CE ed all’art. 21, n.1, della cd. Carta di Nizza, perseguendo tale norma la finalità di favorire l’accesso al mercato del lavoro.

Presidente: V. Nobile

Relatore: G. Bronzini

v. su facebook
22.02.2018 21:02 Camera Civile Veneziana

CASS. CIVILE Ordinanza n. 1465 del 19/01/2018

La Sez. 3 ha trasmesso gli atti al Primo Presidente per l’eventuale assegnazione alle Sez. U delle seguenti questioni di massima di particolare importanza: a) se nell’assicurazione della responsabilità civile sia consentito alle parti convenire che per “sinistro” debba intendersi, sia ai fini del pagamento dell’indennizzo sia a tutti gli altri fini contrattuali, un evento diverso dalla causazione di un danno a terzi da parte dell’assicurato-responsabile, quale la ricezione, da parte sua, di una richiesta di risarcimento proveniente dal danneggiato; b) se il patto atipico di esclusione dell’indennizzo per le richieste postume (cd. clausola “claim’s made”), nella parte in cui esclude il diritto dell’assicurato all’indennizzo quando la richiesta di risarcimento gli pervenga dal terzo dopo la scadenza del contratto, debba considerarsi o meno diretto a realizzare interessi meritevoli di tutela secondo l’ordinamento giuridico.

Presidente: R. Vivaldi

v. su facebook
27.01.2018 11:01 Camera Civile Veneziana

Cass. Civ. S.U. Sentenza n. 22082 del 22/09/2017

Le Sez. U hanno affermato che la solidarietà prevista dall'art. 6 l. n. 689 del 81 persegue anche uno scopo pubblicistico di deterrenza generale nei confronti di quanti abbiano interagito con il trasgressore. Pertanto, l'obbligazione del corresponsabile solidale non viene meno nell'ipotesi in cui quella dell’obbligato in via principale, ai sensi dell'art. 14, ultimo comma, della detta legge, si estingua per mancata tempestiva notificazione; con l'ulteriore conseguenza che l'obbligato solidale che abbia pagato la sanzione conserva l'azione di regresso per l'intero verso l'autore della violazione, il quale non può eccepire l'estinzione del suo obbligo verso la P.A.

Presidente: R. Rordorf

Relatore: F. Manna

v. su facebook
27.01.2018 11:01 Camera Civile Veneziana

Cass. S.U. Sentenza n. 23601 del 09/10/2017

La mancata registrazione del contratto di locazione di immobili ne comporta nullità; essa, ove da sola sussistente, consente la produzione degli effetti del contratto con decorrenza ex tunc, nel caso in cui la registrazione sia effettuata tardivamente. E' nullo il patto col quale le parti di un contratto di locazione di immobili ad uso non abitativo concordino occultamente un canone superiore a quello dichiarato; detta nullità “vitiatur sed non vitiat”, con la conseguenza che solo il patto risulterà insanabilmente nullo, a prescindere dall'avvenuta registrazione.

Presidente: R. Rordorf

Relatore: G. Travaglino

v. su facebook
27.01.2018 11:01 Camera Civile Veneziana

Cass. Civ. S.U. Sentenza n. 24675 del 19/10/2017

Le Sez. U hanno affermato che qualora il tasso degli interessi concordato tra mutuante e mutuatario superi, nel corso del rapporto, la soglia dell'usura, come determinata in base alle disposizioni della l. n. 108 del 1996, non si verifica la nullità o l'inefficacia della clausola di determinazione del tasso degli interessi pattuita prima dell'entrata in vigore della l. n. 108 del 1996, o della clausola successiva di un tasso non eccedente tale soglia quale risultante al momento della stipula; ed hanno escluso che la pretesa del mutuante di riscuotere gli interessi secondo il tasso validamente concordato possa essere qualificata, per il solo fatto del sopraggiunto superamento di tale soglia, contraria al dovere di buona fede nell'esecuzione del contratto.

Presidente: R. Rordorf

Relatore: C. De Chiara

v. su facebook
27.01.2018 11:01 Camera Civile Veneziana

Cass.. Civ. S.U., Sentenza n. 27199 del 16/11/2017

Le Sez. U, su questione di massima di particolare importanza, hanno affermato che l’interpretazione degli artt. 343 e 434 c.p.c., nel testo di cui al d.l. n. 83 del 2012, conv. con modif. in l. n. 134 del 2012, deve essere effettuata nel senso che l’impugnazione individui chiaramente le questioni e i punti contestati della sentenza impugnata e con essi delle dei relativi motivi di dissenso, affiancandosi alla parte volitiva una parte argomentativa che contrasti le ragioni del provvedimento impugnato, ma dovendosi escludere, permanendo la natura di “revisio prioris instantiae” dell’appello, permanendo la sua diversità rispetto alle impugnazioni a critica vincolata, che il relativo atto debba rivestire particolari forme sacramentali o contenere la redazione di un progetto alternativo di decisione.

Presidente: R. Rordorf

Relatore: F.M. Cirillo

v. su facebook
27.01.2018 11:01 Camera Civile Veneziana

https://www.cameracivileveneziana.it/news/visual.php?num=92467

La Camera Civile Veneziana,

appresa la notizia che uno studio legale del nostro Foro ha pubblicato sulla propria pagina facebook un’offerta di tutela legale a favore delle vittime del disastro ferroviario di Pioltello nell’immediatezza del tragico evento, manifesta il profondo turbamento per una scelta che si reputa tanto inopportuna quanto lesiva dell’immagine dell’avvocatura.

La nostra professione, proprio per la delicata funzione anche sociale che riveste, deve non solo ispirarsi sempre ai principi di dignità e decoro ma anche essere rispettosa della sensibilità dei cittadini, soprattutto in circostanze così gravi e luttuose.

Esprimiamo pertanto il più sentito cordoglio per le vittime e la nostra vicinanza alle famiglie e a tutte le persone coinvolte in questa ennesima tragedia ferroviaria.

Il Presidente Il Segretario

Avv. Giorgio Battaglini Avv. Marco Barbieri

v. su facebook
27.11.2017 23:11 Camera Civile Veneziana

Su compensi Ctu e Ctp in caso di gratuito patrocinio

https://giustizia.it/giustizia/it/mg_1_8_1.page;jsessionid=SYsBgFi4I7qH58hxYWXba0Sz?facetNode_1=0_5&facetNode_2=4_10&contentId=SDC1272235&previsiousPage=mg_1_8

v. su facebook
21.11.2017 23:11 Camera Civile Veneziana

Aggiornamenti sul sito www.cameracivileveneziana.it

v. su facebook
17.11.2017 17:11 Camera Civile Veneziana

Convegno: La diffamazione a mezzo stampa e la violazione dei diritti della personalità. Profili civili, penali e deontologici

v. su facebook